L’Intrigo di Leuke (No. Lokis Renkespill) I

Chiariamo prima di tutto un paio di cose:

I. L’investigazione della polizia segreta Francese ha smentito l’affermazione secondo cui io contattai il Sionista estremista ed omicida di massa Sig. Breivik e il fatto che io abbia ricevuto il suo inutile manifesto. La polizia Francese impiegò 5 minuti di lavoro per stabilire ciò come un fatto, e avrebbero potuto farlo prima di abbattere la nostra porta di servizio il 16 di Luglio del 2013, traumatizzando i nostri tre bambini (tutti cittadini Francesi) con quest’azione (ma questa non era l’intenzione dei politici socialisti dietro a questo attacco terroristico).

Quindi, perché i media del mainstream affermano ancora che io abbia ricevuto il suo “manifesto”?

II. Dovrebbe essere perfettamente chiaro a chiunque abbia un QI a tre cifre, la capacità di leggere e di avere accesso ad Internet che io – un Pagano Europeo – non ho nulla a che fare con il Sig. Breivik, il quale è un Sionista, un Cristiano e un Massone. Posso anche aggiungere che Breivik è anche un anti-Nazi, il che rende la loro terza bugia preferita ancor più idiota (vedi III. qua sotto).

Quindi, perché i media del mainstream ci presentano alla gente come due facce della stessa medaglia, o ancora affermano che io sia un “simpatizzante di Breivik”?

III.  Io non sono un Neo-Nazista e nemmeno lo sono mai stato. Ho usato vari termini per descrivere ciò per cui credo e combatto, ma il modo in cui mi definisco, è del tutto irrilevante. Se, per esempio, io oggi mi definissi un “Comunista”, ciò non mi renderebbe un Comunista: sarebbe solamente sbagliato. Io sono un Ôðalista

Quindi, perché i media del mainstream ancora affermano che io sia un “Neo-Nazista”? Per non parlare di “auto-proclamato Neo-Nazista”?

***

La risposta è semplice: se la verità costituisce un danno per i loro interessi (e di solito è così), ciò che fanno è raccontare bugie. Ricordatevene, prima di fare l’errore di comprare uno dei qualsiasi loro giornali, di leggere i loro report online o di ascoltare ciò che dicono in radio oppure in TV. Sono bugiardi di professione: maestri della propaganda di falsità. Esigete da loro la verità, e finché non la ottenete ignorate del tutto le loro bugie – o assumete che il contrario di ciò che dicono sia la verità! HailaR WôðanaR! HailaR Leuke!

“60 minutes”? Anche il titolo è una bugia: normalmente sono circa 42 minuti di propaganda di falsità ed altri 18 minuti di pubblicità:

new60minutes

Mike Wallace: per decenni un bugiardo di professione (alias “giornalista/reporter”) e modello per i bugiardi di professione del giorno d’oggi:

mike_wallace_interviews_1957_4

Ecco un video con Mike Wallace. Un ringraziamento a Destroy Zionism per averlo condiviso con noi.

https://www.youtube.com/watch?v=jsTxfH6tnww

PS. Vi saranno molte parti de L’Intrigo di Leuke. Ne arriveranno delle altre non appena trovo il tempo di scriverle.

Traduzione  a cura di Marco Prandini

Advertisements

One thought on “L’Intrigo di Leuke (No. Lokis Renkespill) I

  1. Pingback: The Scheming of Leuke (No. Lokis Renkespill) I | Thulean Perspective

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s