De Mysteriis Dom Sathanas

Da sempre l’uomo ha praticato diversi rituali: alcuni quotidianamente, certi solo una volta; alcuni non così importanti, altri invece gli cambiarono la vita; alcuni mondani, altri religiosi/spirituali. L’unica cosa che avevano  in comune era il fatto di avere una sorta di significato.

Certi rituali erano più dei promemoria o degli avvertimenti, e hanno lo scopo, per esempio, di mantenere l’uomo su ciò che egli pensa sia il giusto sentiero, ma ci sono anche dei rituali intesi a cambiarti. Il rito Odinico della rinascita è un buon esempio di questi rituali religioso/spirituali così importanti da cambiarti la vita.
Spesso i Pagani organizzavano delle rappresentazioni, meglio conosciute come il teatro Greco, dove degli attori ed attrici si esibivano davanti ad un pubblico. Questi attori e queste attrici non erano come quelli che abbiamo noi oggi (e ringraziamo gli dèi per questo!…): erano sacerdoti e sacerdotesse, noti con diversi nomi in tutt’Europa. In Scandinavia skâld o skaldmær, gôði o gyðja, o drôttinn o drôttning. In Gallia come bardi, vati o druidi. Cantavano canzoni, leggevano poesie, studiavano la natura e la filosofia, e servivano le divinità. Le recite di questi uomini e donne erano dei rituali, eseguiti per il pubblico, per mostrar loro il sacro, così che si sentissero benedetti, così che cambiassero in meglio. Troviamo anche queste rappresentazioni nei misteri religiosi, dove venivano mostrate a un selezionato gruppo di spettatori (per rendere l’esperienza più intensa) come rituali d’iniziazione. L’elevato sentimento esperito da coloro che assistivano alle rappresentazioni era visto come un’illuminazione religiosa o spirituale.

Teatro Greco

griechtheater2

Il Tempio di Zevs
800px-olympia-zeustempelrestoration
 I templi dei Pagani avevano il medesimo scopo: un singolo sguardo al loro interno, o dall’esterno, era sufficiente ad elevare l’uomo avvicinandolo al divino, provvedendo ad un’illuminazione spirituale. Per esempio, il Pantheon in Italia, il Tempio di Zevs ad Olimpia in Grecia, Woodhenge e Stonehenge in Britannia, Svjatovit sull’isola di Rügen, boschi e alberi sacri sparsi per tutta Europa, e non per ultima la caverna di Lascaux in Francia e la grotta di Altamira in Spagna, e molti, molti altri posti (templi), tutti realizzati per rendere l’uomo in soggezione. La bellezza, la magnificenza, il sacro, il solenne, il divino, tutto ciò lasciava un’impressione a colui che lo guardava. Naturalmente le cattedrali furono costruite con lo stesso intento: quello di impressionare, di influenzare e smuovere la mente dell’uomo che le vedeva.

Svjatovit

swiatowit3011
I rituali erano, in altre parole, degli eventi organizzati per tutti, o per un selezionato gruppo in una comunità, per renderli abili nel vedere, nel pensare e nello svilupparsi e progredire nel corso della vita in modo simile, e in ultimo – ma non meno importante – per renderli capaci di fidarsi l’uno dell’altro. Vollero costruire comunità, per rafforzare i legami tra quelli che vi appartenevano, formandoli ed educandoli ad immagine di ciò che vedevano come divini ideali. L’arte stessa nacque per tale scopo: per mostrare esempi, ideali, usata come oggetti sacri nelle rappresentazioni ritualistiche. Le incisioni rupestri di Lascaux e di altre caverne rappresentano le prime immagini in movimento, poiché esse, come mi ha mostrato mia moglie, si muovono sulla parete alla tremolante luce di una torcia. Si animano!
800px-altamira-1880

Al giorno d’oggi questi effetti speciali difficilmente impressionerebbero di molto qualcuno di noi: siamo già abituati a molti effetti speciali, alcuni molto avanzati, ma per loro, per i nostri innocenti antenati, erano molto reali ed esercitavano forti impressioni. Già, ci stiamo avvicinando al perché il totolo di questo post sia così rivoltante: siamo abituati ad assistere a rituali altamente tecnologici, quando ci sediamo in fronte ad uno schermo e guardiamo le rappresentazioni più depravate, più abiette, perverse e veramente Sataniche di questi Ebrei malati, di Holliwood in particolare, ma anche della non meno Ebrea industria dei videogiochi. Facendo ciò, sprofondiamo sempre più a fondo nella fogna emotiva, spirituale, mentale ed anche fisica in cui gli Ebrei vivono già da migliaia di anni. La nostra gente, i nostri figli, vengono formati e modellati da questi riti Satanici, che prosciugano la loro mente e i loro corpi della loro innocenza, bontà, gentilezza, altruismo, saggezza e non ultima, la speranza. Le peggiori aberrazioni che l’umanità possa produrre sono normalizzate dagli Ebrei, ogni singolo tabù su questa Terra viene infranto, si sputa addosso ad ogni ideale Europeo, ridicolizzato e messo da parte, ogni atto, o idea, dannoso e malato viene glorificato e considerato come un nuovo ideale – come un idolo per le masse “Ebreizzate”.

Teatro Greco

 

720px-delphi_composite

“Sex and the City”, reality show di tutti i tipi, serie criminali, “I Soprano”, “Seinfeld” e un’orda di altre sitcom, “Il Letterman Show”, “Medal of Honour”, porno mascherati da fantasy (“Il Trono di Spade”), “Band of Brothers” ed altri, ed altri ancora, e così via. Non puoi scapparne nemmeno se ti limiti a guardare dei film sani e buoni, o giocando solo a videogiochi altrettanto sani, poiché è dappertutto, in tutte le categorie. Il loro veleno Ebraico ha avuto modo di infiltrarsi praticamente ovunque. Nel caso in cui cerchiate di trovare qualcosa di non contaminato, molto spesso, se non sempre, fallirete. Nel migliore dei casi c’è poco veleno, ma ciononostante verrai avvelenato lo stesso.

Tuttavia abbiamo bisogno dell’intrattenimento, altrimenti le nostre menti morirebbero di noia, appassendo, quindi che fare a proposito? Personalmente, per il mio bene, non guardo più la TV, ignoro le perverse notizie che pubblicano sui giornali, e sono molto selettivo quando si parla di quali film vedere o a che videogiochi giocare, per minimizzare il danno, per così dire. Per il mio bene e per quello altrui cerco di fare musica che ispiri e rafforzi ciò che di Pagano vi è in noi, scrivo articoli pro-Europei su questo blog e creo un gioco di ruolo (MYFAROG) dove tutto ciò che è Europeo viene coltivato: dove ciò che di buono, onesto, morale, legittimo, dignitoso, intrepido, onorevole, coraggioso, intelligente, saggio, spirituale, gentile, altruistico, auto-sacrificale, innocente, razzista, valoroso e forte in noi viene attivamente stimolato, coltivato e propagato. Io lo considero come uno strumento per il risveglio Pagano: un libro di riti Pagani. Cerco di creare alternative al veleno Ebreo, cosicché almeno quelli come me, e che vogliono qualcosa d’altro, abbiano l’opportunità di trovarne. Siamo in tanti, lo so, e il nostro numero cresce ogni giorno, ma – ahimè! – è una bella fatica su una strada in salita. E’ una fortuna allora, quella per cui siamo testardi come muli e forti come buoi, quella per cui non molliamo mai!

Per il Sangue e il Suolo Europeo! Heill Ôðinn!

Traduzione a cura di Marco Prandini

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s