Alea iacta est (Il dado è tratto)

Un giorno l’Europa per come noi la conosciamo, o almeno conoscevamo, sarà perduta per sempre, e quando questo accadrà sarà troppo tardi perché l’uomo comune possa cambiare qualcosa. Egli sarà bloccato in una multiculturale fossa di crimine, una palude di miseria in cui gli europei saranno una minoranza – e soffrirà una vita da schiavo picchiato, stuprato, maltrattato, derubato, sputato addosso e deriso per il resto della sua vita. I suoi figli soffriranno lo stesso destino.

L’Europa non ha ancora varcato il Rubicone, per metterla in questo modo, e quelli che spingono l’Europa nella fossa oscura sono terrorizzati da una cosa in particolare: sono stati esposti prima, in Europa e anche altrove, e sono a conoscenza delle conseguenze che si hanno quando individui come loro vengono esposti, così più che ogni altra cosa temono l’esposizione! Hanno paura che le masse, la buona maggioranza che loro hanno ingannato così a lungo, scoprano la verità su di loro, sulle loro motivazioni e sui loro programmi. Conoscono il potere del popolo e temono la sua ira.

Per questa ragione hanno proibito la verità in Europa, e punito coloro i quali dicono la verità nel modo più severo che consentisse loro di passarla liscia. In Germania puniscono persino gli avvocati che tentano di difendere quelli accusati di infrangere queste “leggi” odiose. Non c’è giustizia per quelli che dicono la verità sul genocidio degli europei; il loro attentamente studiato, cinico e sinistro piano per sterminare l’Europa, sotto forma di “antirazzismo”, “umanitarismo”, “tolleranza”, “aiuti umanitari”, “arricchimento culturale”, “diversità”, “multiculturalismo” e altre simili spregevoli menzogne.

Non sono tuttavia ancora riusciti a vietare tutte le espressioni veritiere riguardo loro e ciò che fanno, e per questa ragione si servono anche di altri mezzi per distruggere i loro nemici. Io sono un loro nemico dichiarato ormai da diversi decenni, e da gennaio 2013 ho cominciato ad esporre loro e i loro piani su questo blog, Thulean Perspective, e a causa di ciò mia moglie incinta ed io siamo stati arrestati e detenuti per due o tre giorni, accusati di terrorismo (!). Hanno usato qualche falso collegamento all’assassino sionista (!) come scusa per arrestarci, ma persino loro sapevano che era solo una scusa per prenderci. Ab-usare della polizia per aprire a fucilate la nostra porta d’ingresso, arrestarci davanti ai nostri tre spaventati bambini piccoli, per presentarci al mondo quali terroristi e disarmarci; hanno provato a terrorizzare noi (e anche tutti gli altri) e portarci alla sottomissione.

Ma non è finita per noi. Marie ed io stiamo affrontando nuovi problemi. Non problemi legali. Niente di ufficiale. Ma un mondo di problemi creati dai nostri nemici clandestinamente (essi amano lavorare nell’ombra). Vedete, i nemici dell’Europa possiedono le banche, qualche giorno fa l’account PayPal di Marie è stato improvvisamente congelato per assolutamente nessuna buona ragione. L’impiegata della PayPal non l’ha capito allo stesso modo, quando le abbiamo chiesto informazioni in merito, e credeva che fosse un errore e che sarebbe stato presto sistemato. Non è stato ancora sistemato, diversi giorni dopo. Essendo paranoico di professione avevo previsto cosa sarebbe accaduto, così non sono stato sorpreso quando oggi abbiamo ricevuto una lettera dalla banca che diceva che i nostri conti sarebbero stati chiusi. Sospetto che trovare una nuova banca nella Francia di Hollande potrebbe non essere facile per noi… A meno che non riusciamo a trovare una nuova banca rimarremo senza alcun modo per guadagnare dei soldi, il che non è certamente una buona cosa per noi.

Apparentemente abbiamo questi problemi solamente a causa di ciò che dico sul mio blog; solo perché li espongo. Se stessi dicendo bugie non si preoccuperebbero, così come non si preoccupano quando bugiardi come Alex Jones e David Icke vomitano le loro assurdità. Si preoccupano solo perché dico la verità! Siamo dissidenti in una dittatura, un sistema mafioso, presentato come una “democrazia”. Li espongo sul mio blog, così siamo condannati alla distruzione finanziaria. Sì, stanno distruggendo l’economia di una famiglia franco-norvegese con tre (presto quattro) bambini piccoli, perfettamente legale e che paga le tasse, ufficialmente per assolutamente nessuna ragione…

Ironicamente i nemici dell’Europa si espongono da soli con il loro comportamento, e confermano tutto ciò che io e anche molti altri abbiamo detto su questi maniaci genocidi. Nonostante sia una catastrofe per la mia famiglia e per me personalmente, questa è una grande vittoria per la Verità, e di conseguenza per l’Europa. Molti europei apriranno i loro occhi alla realtà quando vedranno come queste persone si comportano nei nostri confronti, solo perché ho detto la verità su questo blog.

La giustizia prevarrà. Non sono preoccupato. HailaR WôðanaR!

PS. Se il mio blog ad un certo punto dovesse scomparire cercatene semplicemente uno nuovo su burzum.org.

Traduzione a cura di Vargr í Véum

Advertisements

One thought on “Alea iacta est (Il dado è tratto)

  1. Pingback: Alea iacta est | Thulean Perspective

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s