Terrorismo in Francia, parte II

Sfortunatamente sono stato in una cella di detenzione in precedenza. Diverse volte, effettivamente. Nel complesso per circa un mese. Non è molto confortevole. Semplicemente rimani lì, alcune volte per giorni, o in casi estremi anche per settimane, prima di essere trasferito in una normale prigione e in una normale cella dove dovrai passare uno o due anni in custodia attendendo il processo.

In Francia mi è stato permesso di parlare ad un avvocato sorprendentemente presto. Mi disse che ero stato arrestato per “terrorismo”, ma che non sembravano avere alcuna prova di sorta riguardo a ciò, così ha presunto che era stato fatto solo per dale loro più tempo e maggiori diritti legali in relazione al loro trattamento nei nostri confronti.

Non avendo traovatto nulla di sorta nella nostra casa in affitto o nella nostra proprietà che suggerisse in alcun modo che mia moglie ed io avessimo qualsiasi piano criminale gli agenti della polizia sono rimasti con il tentativo di crearci dei problemi facendoci parlare, per metterla in questo modo. Solamente non sembravano essere molto interssati nell’ “incastrarci”. Hanno invece provato a fare chiarezza. Ero scioccato! Avendo esperienza con la banda di delinquenti conosciuta come polizia criminale Norvegese, che non sembrava mai interessata a nulla tranne che ad incastrare me e chiunque altro arrestassero, non importa chi, stavo parlando con poliziotti che stavano invece facendo il loro lavoro, come le comuni persone si aspettano che facciano e come è supposto che facciano. Nessuna falsa testimonianza. Nessuna prova fabbricata. Nessun collocamento di oggetti illegali nella nostra proprietà. Nessun tentativo disperato di far sembrare quello che dicevo come se fossi marcio fino al midollo. Nessun incomprensione ovviamente deliberata di quello che effettivamente dicevo. Nessun tentativo di mettere Marie e me in contrasto tra di noi. Nulla, esclusa della confusione a riguardo cosa era stato confiscato e dove e chi era presente quando ciò era stato fatto. Nello stesso momento il poliziotto locale a Brive si è anch’esso comportato in modo esemplare, tutti loro per tutto il tempo. Sono stati educati e professionali. Nessuna grida di volgarità verso gli incarcerati. Nessun atteggiamento minaccioso. Nessuna risata denigratoria o nostra esposizione per ridicolizzare o altre spiacevolezze. Nessun abuso di potere. Wow! La Francia è davvero diversa. In quel momento ho sentito un poco di vergogna per essere Norvegese. Forse dopotutto la civilizzazione non ha ancora raggiunto la Norvegia.

Hanno fatto chiarezza e molto velocemente capito che mia moglie ed io non avevamo piani terroristici. Comunque, gli officiali di polizia DCRI stavano lavorando sotto ordini “provenienti dall’alto”, come l’hanno detto, quindi dovevano trovare qualche modo per giustificare il nostro arresto, ovviamente ordinato dall'”alto”, quindi hanno cominciato a preparare altre accuse contro di noi. Come, eravamo dei genitori idonei? Mi sono state rivolte domande riguardo ai vestiti mimetici di mio figlio, il tiro con l’arco e l’uso di una spada da parte di mia figlia in una della foto nel mio blog.

Era questo addestramento militare e indottrinamento politico del mio figlio maggiore?

Era questo addestramento militare e indottrinamento politico di mia figlia di 2 anni?

No?…okay. Non ho idea di cosa passasse nelle loro teste mentre mi facevano queste domande, ma almeno non hanno insistito che quello fosse un addestramanto militare o indottrinamento di qualche sorta. Ai maschi piace giocare con armi giocattolo e vestiti mimetici. I maschi amano le spade di legno e gli scudi. Amano giocare a nasconditi-e-cerca ( e i vestiti mimetici sono molto utili in questo caso). I maschi amano gli archi e le frecce, ed anche io quando ero un bambino. La piccola bambina di 2 anni sta giocando con la spada di legno del suo fratello maggiore? No, questo non è addestramento militare e lavaggio del cervello sui bambini. Non è indottrinazione politica. E’ perfettamente normale.

“La persona dall’alto”, un politico ovviamente, voleva però incastrarmi per qualcosa. Nessun piano terroristico svelato dopo le prime 24 ore? Nessuna malvagia indottrinazione nazista dei bambini scoperta dopo le prime 48 ore? Merde ! Quindi dovevano trovare qualcos’altro a cui attaccarsi, e hanno esteso al custodia per altre 48 ore. Mia moglie incinta era comunque stata rilasciata dalla custodia, ed era stata con successo fatta uscire clandestinamente dal DRCI sotto il radar dell’orda di giornalisti che avevano messo sù campo fuori dalla stazione di polizia.

Traduzione a cura di Artuso Fabio

Advertisements

One thought on “Terrorismo in Francia, parte II

  1. Pingback: Terrorism in France, part II | Thulean Perspective

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s