L’Ascesa di Spartaco

Nessun’altra razza umana registra un numero maggiore di eroi ed eroine di quella Europea! Noi abbondiamo di eroi ed eroine nella storia, nei miti, nelle leggende e nelle favole, e coloro che leggono libri che non siano quelli pubblicati dai moderni editori di proprietà degli Ebrei ne sono ben al corrente. L’Europa è un continente ed una razza di uomini grandiosi: Greci, Romani, Iberici, Illiri, Daci, Traci, Sciti (inclusi Slavi e Magiari), Balti, Finnici, Celti, Scandinavi (inclusi Germani, Franchi e Anglo-Sassoni). Baschi e altri ancora. Noi celebriamo questi eroi ed eroine, ci rendono orgogliosi e li prendiamo come modelli di comportamento! Questi magnifici uomini e donne sono i nostri antenati!

Quelli della generazione dei nostri genitori se la guidano in giro con le loro auto costose, le loro grosse  BMV le loro belle Mercedes-Benz, con cui gli Ebrei gli hanno corrotti, per far sì che gli Ebrei potessero fare ciò che volevano con l’Europa. I nostri genitori vivono nelle loro ville e trascorrono le vacanze nelle loro residenze estive o baite invernali, nelle loro barche cabinate o nelle loro case mobili.

La generazione dei nostri genitori non è composta solo da uomini comuni. Non sono di certo degli eroi, ma non sono nemmeno uomini ordinari. Sono dei traditori e dei codardi. Ma peggio ancora: sono schiavi, e hanno condotto noi in schiavitù. Circa il 99% degli Europei moderni è schiavo, e l’1% che governa sono Ebrei e i loro lacché co-cospiratori. A differenza della nostra generazione tuttavia, quella dei nostri genitori è composta di schiavi ben pasciuti, di schiavi ben corrotti, i quali –  se non avessero un briciolo di coscienza (e dopo tutta l’esposizione alla propaganda Ebrea a cui sono stati sottoposti, probabilmente non ce l’hanno) – vivono la loro vita con ben poche preoccupazioni.

Le nostre generazioni, in tutta la nostra povertà, disoccupazione o altre miserie, possono leggere di Spartaco, uno dei principali eroi Traci, e della sua rivolta di schiavi a Roma, e dobbiamo pensare fosse abbastanza eroico. Possiamo leggere anche di altri schiavi, e dovremmo sempre chiederci – almeno, io lo faccio – perché tolleravano tutto quello? Perché semplicemente non si ribellavano? Ebbene, ditemi un po’, compagni schiavi: perché noi non ci stiamo ribellando? Certo, non possiamo fare più nulla per il passato, così come non possiamo cambiare il fatto che la generazione dei nostri genitori è una generazione di codardi schiavi-Alfa, ma perché gli permettiamo di tenere noi in schiavitù? Che scusa abbiamo per non ribellarci?

Ebbene, come prima cosa ci hanno fatto effettivamente pensare che noi non siamo schiavi. L’uomo moderno pensa di essere libero. E così vanno a lavorare come schiavi per qualcun altro. (Quanti di noi lavorano per se stessi?) Vivono in una casa di proprietà di qualcun altro (la banca), e quando finalmente arrivano a possederla devono pagare allo stato le tasse di proprietà, e quando moriranno, i loro figli non potranno permettersi di ereditarla a causa delle tasse sull’eredità. Sempre più persone come noi sono costrette a vivere in affitto, perché non possiamo permetterci nemmeno un prestito dalla banca. In altre parole, viviamo come la servitù viveva nel Medio Evo. In realtà, la servitù se la passava molto meglio di quanto facciamo noi oggi! I soldi che “generosamente” abbiamo il permesso di guadagnare dal nostro lavoro da schiavi sono pesantemente tassati, ma molti di noi ce la fanno a malapena. *Phew*! Sì, ce la facciamo. (Beh, almeno molti di noi.)

Per farci accettare questa situazione ci bombardano con l’intrattenimento, che dobbiamo pagare noi stessi, con quel poco di soldi che ci permettono di guadagnare (e spesso, che ci piaccia o meno, attraverso le tasse). Noi, gli schiavi idioti, rifuggiamo dalla nostra miseria andando a gridare come scimmie in uno stadio di football o qualsiasi altro sport giocato in un’arena (Colosseo?), giocando al computer, guardando la TV, andando al cinema, ascoltando la musica, leggendo letteratura di nessun valore, e così via. Quasi tutto è fatto o “controllato” dagli Ebrei. Nessuna idea “cattiva” deve essere impiantata nei nostri spessi crani.

Quindi abbiamo pane e circo. Ergo non ci ribelleremo, e gli Ebrei possono continuare a distruggerci, a distruggere la nostra cultura, i nostri dèi,  i nostri ideali, la nostra morale, la nostra bellezza e la nostra arte. Diventiamo sempre più scemi, ciccioni, pigri e sempre meno resistenti alle loro velenose intenzioni. A causa di ciò, ci corrompono sempre meno di generazione in generazione. I nostri genitori sono stati corrotti pesantemente. La mia generazione è in lotta. Le nuove generazioni sono nella merda fino al collo e contano quasi meno che zero.

Naturalmente la speranza giace nelle nuove generazioni. Ma avranno abbastanza merda fino al collo di modo che alcuni di essi dimostrino di essere sufficientemente uomini e si rivolteranno, come avremmo già dovuto far tutti tanto tempo fa? Il tempo ce lo dirà.

Se c’è un futuro per la nostra razza, gli uomini e le donne che ne faranno parte si porranno le stesse domande che a volte faccio quando leggo degli schiavi: perché non hanno fatto qualcosa? Perché non si sono ribellati? Che c’era di sbagliato in loro?

E quindi ditemi: cosa c’è che non va nelle donne Europee, che non incoraggiano i propri uomini alla rivolta? Che c’è che non va con gli uomini Europei, che oggi scelgono di lavorare come schiavi e rendere il mondo peggio di quanto lo sia ora per i loro figli, anziché ribellarsi?

Eh sì, se ne parli al giorno d’oggi, come tutti dovremmo fare, forte e chiaro, ovunque andiamo, ogni volta che vediamo gli altri, rischi la tua carriera, ma che cos’è la tua carriera in confronto al futuro dei tuoi figli e dell’intera razza Europea? Pure, vorresti una carriera di successo in questo Inferno “multiculturale” e imbastardito creato dagli Ebrei? Io di sicuro no!

Io sono un Pagano, per tanto ho un senso dell’ Onore, e mi preoccupo di più di come verrà ricordato il mio nome piuttosto del mio benessere in questa vita. Di fatti, vedo l’epoca in cui viviamo come una grossa opportunità per noi di aggiungere alla lunga lista nuovi eroi ed eroine Europei! Questo è il tempo di conquistare gloria e fama, di diventare gli Spartaco di cui, in un futuro lontano, i nostri biondi discendenti dagli occhi azzurri avranno modo di leggere, quando vorranno scoprire come e perché l’Europa si salvò dal genocidio Ebraico. Questo, amici miei, è il tempo della RIVOLTA! Questo è il tempo di incidere i vostri nomi nei libri di storia e di segnare una differenza! Questo è il tempo in cui puoi anche tu divenire Eroe o Eroina d’Europa!

Traduzione a cura di Marco Prandini

Advertisements

One thought on “L’Ascesa di Spartaco

  1. Pingback: Spartacus Rising | Thulean Perspective

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s